Le gambe delle donne
Produttori e marchi

Adrian

Adrian è un produttore polacco di calze e collant, con il suo milione di pezzi prodotti al giorno è il secondo della Polonia e vanta un catalogo piuttosto interessante, per quantità e qualità.

Adrian post Classic collection 20 DenDa non confondere con il quasi omonimo Adriana di cui abbiamo già parlato, Adrian è un produttore di calze e collant. Come forse alcuni di voi sapranno anni fa era l’Italia ad avere la leadership della produzione di calzetteria da donna, ora non è più così e i maggiori produttori sono in Polonia, Turchia e Cina.

E’ doloroso ammettere che si tratta di produzioni di qualità, non è più soltanto una questione di prezzo. Ci sono marchi che stanno imparando a farsi conoscere nel panorama internazionale anche per il design, la tecnologia, la scelta dei materiali e l’ottima rifinitura dei prodotti. Detto questo è anche vero che anche per quanto riguarda le calze il Made in Italy riveste ancora un certo fascino a livello internazionale e i collant italiani godono ancora di buona reputazione.

Dicevamo di Adrian, il secondo produttore polacco per numero di calze  prodotte. Una produzione di un milione di pezzi al mese in cui, come detto, c’è tantissima qualità. Basta dare un’occhiata al catalogo prodotti e al sito per rendersi conto che ci troviamo di fronte a un produttore di alto livello, non solo per la qualità ma anche per la cura investita nel marketing, nella scelta delle modelle e in generale nell’ottima presentazione dei loro prodotti. 

Un’occhiata nella galleria Adrian vi confermerà queste impressioni. Hanno una produzione focalizzata su collant autoreggenti e leggings, con una attenzione per modelli dal design elaborato anche se non mancano prodotti semplici, adatti ad un utilizzo quotidiano.

Per quel che ci è dato sapere i prodotti Adrian non sono semplicissimi da trovare in Italia, potrebbe essere solo una questione di tempo?

Articoli correlati

Collant a disegno incrociato

amemi

Burlington calze e collant

admin

Silca

admin

Scrivi un commento