Calze e collant al lavoro

  • Scritto da 
  • Martedì, 11 Dicembre 2018 18:54
  • 0

Tu con che tipo di persone hai a che fare?

Collant. Una semplice parola che indica una grande passione. Le calze sono l'oggetto più emotivamente carico dei nostri tempi, neppure il perizoma può competere con i collant. Non c'è un modo giusto o un modo sbagliato, è molto semplice: se volete navigare dovete imparare a navigare anche in acque burrascose.
Per parafrasare le parole di admin nel suo celebre post: ci sono solo due tipi di persone: i Talebani e gli Eretici.

I Talebani pensano che nessuna donna possa uscire di casa, andare al lavoro, partecipare a un evento importante e neanche mettere le scarpe senza i collant. Per loro le calze sono un segno di rispetto, indicano che prendi le cose sul serio, che sai vestirti correttamente al lavoro. Se ti vedono senza collant penseranno che sei trasandata, poco attenta, sciatta, maleducata e poco professionale e faranno fatica a darti attenzione, avranno sempre la sensazione di perdere tempo parlando con te. Infatti i Talebani sono talmente distratti e infastiditi da una donna senza calze che saranno incapaci di prestare attenzione a quello dici e tanto meno riconoscere i tuoi meriti professionali.

Gli Eretici pensano che non esista una valida ragione per indossare i collant. Punto. Se hai i collant tenderanno a pensare che sei antiquata, esagerata, sciocca, debole fisicamente e mentalmente e tenderanno a pensare che sei una perdita di tempo. Gli Eretici sono talmente distratti dalla presenza delle calze che saranno incapaci di prestare attenzione a quello dici e tanto meno riconoscere i tuoi meriti professionali.

La moda

Calze e collant al lavoro

E' stato circa nel 2007 che i grandi stilisti della moda hanno cominciato a chiederci di non mettere più le calze, nemmeno d'inverno, nemmeno a Londra. Dopo più di dieci anni di martellamento alcune conseguenze ci sono state: anche ditte serie e ingessate hanno tolto i collant dal loro “dress code”, persino le banche e addirittura nel Regno Unito. Ci sono prestigiosissime società di consulenza hanno regole rigorose nell'abbigliamento, sempre molto formale, eppure adesso la maggior parte di queste tollera che le donne non mettano le calze.
Questo non significa che le calze sono state bandite ma se decidete di mettere i collant al lavoro tenete presente queste semplici regolette:

  • Collant microrete nudoI collant dovrebbero essere del colore e del tono della pelle o appena più scuri. Più velati sono meglio è; evitate come la peste i collant spessi e lucidi in ufficio.
  • Non usate collant classici con scarpe dalla punta aperta, ci sono calze senza punta, fatte apposta per questo tipo di calzature.
  • I collant modellanti e i “control top” sono fantastici ma bisogna fare attenzione a non abusare del loro potere, altrimenti ci si ritrova con la ciccia e la pelle “spremuta” verso l'alto, pronta a tracimare al di sopra della gonna.
  • I collant opachi sono adatti quando la temperatura scende, orientativamente sotto i 15 gradi. Rendono bene soprattutto quelli scuri, con un colore simile alle scarpe (che dovranno essere rigorosamente chiuse).
  • I collant velati e ultravelati sono un’alternativa ai collant classici purché in un colore naturale. Al lavoro non vanno usate le calze a rete ma c’è un importante eccezione: le calze a microrete in colore naturale sono molto belle, rendono la gamba liscia e con un aspetto naturale senza quell'impressione un po’ da “sciura”. Evitate le calze con la cucitura se non volete mettere in imbarazzo i Talebani.

A volte le calze a rete sono tollerate dagli Eretici perché lasciano un’impressione di look ricercato e alla moda, apprezzeranno il fatto che curate con attenzione il vostro aspetto. Queste calze sono accettate anche dai Talebani perché… sono pur sempre calze e quindi apprezzeranno il buon gusto con cui vestite le gambe.
Se proprio non volete usare le calze ma volete avere sotto controllo l’aspetto delle gambe ho trovato qualche trucco che potrebbe essere utile per chi non vuole mettere le calze:

  • Cercate di dedicare alle gambe la stessa attenzione che dedicate al viso. Per esempio ho letto che si può usare lo stesso prodotto esfoliante anche sulle gambe ottenendo buoni risultati, sia alla vista che al tatto. Non ho ancora provato questo trucco ma sembra avere senso.
  • Lozioni e creme auto abbronzanti possono essere usate anche in inverno ed eliminare il pallore eccessivo, una pelle di una tonalità leggermente più scura sembrerà anche più liscia.
  • Le calze spray (anche queste non le ho mai provate personalmente ma sembrano essere una gran bella invenzione) possono dare un’ottima copertura per nascondere smagliature e vene varicose.

Hwang in Ji stockings 1

La navigazione in mari tempestosi

In un mondo in cui l’immagine è sempre più importante avere un aspetto gradevole servirà a mettere a tuo agio te stessa e le persone con cui lavori, saranno più interessate a conoscere le tue vere qualità. Una aspetto trasandato finisce col distrarre le persone con cui devi lavorare, saranno poco interessate a conoscere te e le tue idee.
La chiave per superare il dilemma dei collant (soprattutto in ambito lavorativo) sta nel conoscere te stessa e nelle persone con cui avrai a che fare. Se sei una Talebana e hai in programma un meeting con un Eretico è saggio prendere in considerazione la possibilità di rinunciare ai collant. Viceversa se sei un’Eretica e devi incontrare un Talebano, tieni inconsiderazione che il successo del meeting potrebbe dipendere (anche) dalle tue calze.

Una parola finale per concludere questo lungo sproloquio: fate attenzione che gli uomini si dividono in Talebani ed Eretici, le vie di mezzo sono rare.

Kate Middleton in collant

Vota questo articolo
(0 Voti)

Altro in Il piacere di mostrare

Zettai ryōiki: la zona proibita

Il "territorio assoluto, proibito" è lo spazio che va tra il bordo delle calze (autoreggenti o parigine) e arriva all'orlo della minigonna o a quello dei calzoncini. Il termine è rimasto relegato ai nerd e agli appassionati di manga e anima ma si sta ora diffondendo, sia in Giappone che… Leggi tutto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto